Geografia del Territorio


In questo capitolo vengono trattati e messi in evidenza le problematiche riguardanti il territorio geografico ricadente nel comprensorio di bonifica dell’Ionio Crotonese.
I problemi connessi alla difesa del suolo sono estremamente gravosi: il territorio è interessato a fenomeni fra¬nosi in un decimo della superficie e a fenomeni di degradazione diffusa in circa un terzo. Si tratta evidentemente di valori eccezionali, tra i più elevati non solo della Calabria, ma dell'intero territorio nazionale.
Sotto il punto di vista della piovosità il compren¬sorio è caratterizzato da un regime di tipo marittimo con massimo invernale e minimo estivo, stagione in cui le piogge raggiungono appena il 3-4 % del totale annuo.

 

ALTIMETRIA
L'Andamento altimetrico nell'ambito dei singoli comuni è fortemente eterogeneo; un utile orientamento risulta dalla tabella che segue:
 

 

 

 

GEOLOGIA
Alla complessità morfologica e geologica delle zone che costituiscono la fascia pre-silana (zone situate a quote più elevate del territorio provinciale poste principalmente a nord ed a ovest) a quelle morfologicamente e geologicamente meno complesse del Marchesato (o bacino Crotonese); gli affioramenti di graniti, gneis, filladi, calcari, arenarie, gessi, depositi di salgemma, argille si sovrappongono o si alterano determinando condizioni tettoniche, stratigrafiche e strutturali in parte anomale e in parte normali.
Di massima si può stimare che i complessi impermeabili interessano il 70% della superficie, mentre le rocce permeabili e semipermeabili costituiscono il 30 por cento.
 

 

 

RETE IDROGRAFICA
L'idrografia è rappresentata da vari torrenti caratterizzati da limitati bacini imbriferi, ripide pendenze, forti trasporti solidi e brevi pianure di foce. Il regime è nettamente variabile, anche por la ci tata prevalenza di formazioni geologiche impermeabili. Nella tabella che segue sono riportate le caratteristiche più rilevanti dei principali corsi d'acqua.